Il film è ispirato ai libri pubblicati da Alpinia editrice sulla figura del Capitano Arnaldo Berni.

IL CAPITANO DEI GHIACCI

il 30 settembre alle 21:50

In prima visione su History (in esclusiva su Sky al canale 407)

Fin dalla prima pubblicazione del libro Il Capitano sepolto nei ghiacci, è nata l’idea di poterne trarre un film in cui si potessero apprezzare le qualità di quel giovane uomo capace di commuovere e commuoversi e di trasmettere nei suoi scritti la sua sensibilità e la sua umanità. Ma non era facile trovare chi potesse realizzarlo nel rispetto della figura di quell’Alpino tanto amato e rispettato.

A farlo, con la prima visione su History(in esclusiva su Sky al canale 407) il 30 settembre alle 21.50, è Matteo Raffaelli, già premio della critica per Mareyeursal Migranti Film Festival, con “Il Capitano dei Ghiacci”, documentario prodotto da Marco Nereo Rotelli e Elena Lombardi di Art Project con Istituto Luce Cinecittà, produttore associato HF4, con il Patrocinio del Comune di Mantova e Associazione Mantova Film Commission, che per la prima volta ha visto un dispiegamento di forze che ha coinvolto anche il Corpo degli Alpini, con riprese che hanno toccato la quota di 3.700 metri di altezza, in un arco di tempo di circa 12 mesi.

La Grande Guerra. Le tremende condizioni di vita in montagna: freddo, ghiaccio e cecchini invisibili.  L’attacco nemico. E la morte di un ufficiale. Sembra una delle tante, troppe storie tragiche che hanno costellato il conflitto bellico sul fronte italo-austriaco dal 1915 al 1918.  Eppure questa storia, la storia di Arnaldo Bernicapitano degli Alpini, è differente. E prosegue ancora oggi.

Arnaldo Berni, ufficiale della 307 Compagnia Battaglione Skiatori Monte Ortler, cadde in battaglia il 3 settembre 1918: aveva soli 24 anni. Con i suoi uomini stava difendendo la posizione di Cima San Matteo, a ben 3.680 metri di altezza, che aveva strappato alle forze austro-ungariche alcune settimane prima, il 18 agosto. Ai primi di settembre le truppe nemiche contrattaccarono violentemente, sottoponendo i soldati italiani ad una pioggia di fuoco impressionante. Berni morì e il suo corpo non venne trovato, rimanendo probabilmente sepolto sotto i ghiacci.


Le ricerche del corpo iniziarono subito dopo la battaglia, ma non portarono ad alcun esito. Alcune persone non hanno desistito dal cercarlo. Una di queste è il tenente colonnello in pensione, guida alpina militare ed esperto di guerra Bepi Magrin, da quarant’anni impegnato a ricostruire le ultime ore del Berni e a trovare il luogo che ne potrebbe nascondere i resti.  Ex ufficiale, alpinista e istruttore a sua volta di alpinismo, consulente del Ministero della Difesa per la bonifica delle aree montane dai residuati bellici, Magrin accompagna lo spettatore di History sulle tracce del capitano Berni. Infatti lo scioglimento dei ghiacci, determinato dal riscaldamento globale, potrebbe portare alla luce segreti custoditi tra le montagne che furono teatro di quella battaglia. Due spedizioni sulla vetta del ghiacciaio dei Forni, il più grande d’Italia, ci portano nei luoghi impervi dove gli alpini conquistarono il San Matteo per poi riperderlo. Con l’intento di fare luce sulle molte domande ancora aperte a cento anni dall’inizio delle ricerche, l’esercito italiano e il Corpo degli alpini con Bepi Magrin hanno organizzato una missione ufficiale in quei luoghi per raccogliere ulteriori informazioni sul capitano degli Alpini.

Filmati rari provenienti dall’archivio dell’Istituto Luce-Cinecittà e immagini inedite del ritrovamento di corpi di soldati ormai mummificati raccontano un capitolo sensazionale della cosiddetta Guerra Bianca, la guerra in alta quota che fu una prerogativa italo-austriaca, unica nella storia militare di tutti i tempi.

Il capitano dei ghiacci è prodotto da Elena Lombardi e Marco Nereo Rotelli per Art Project con Istituto Luce-Cinecittà, produttore associato HF4, con il Patrocinio del Comune di Mantova e Associazione Mantova Film Commission, regia di Matteo Raffaelli, musiche di Marco Del Bene

Il Capitano sepolto nei ghiacci, a cura di Bepi Magrin, racconta la storia della prima guerra sul fronte dello Stelvio attraverso le lettere e diari del giovane Capitano degli Alpini.

Battaglie per il San Matteo di Udalrico Fantelli, Bepi Magrin, Giovanni Peretti,  è vincitore del “Premio Val di Sole” nel 2008, e del “Premio De Cia” 2010. Un libro che documenta le Battaglie più alte della storia combattute a 3678 m per la conquista della vetta del San Matteo. Un’imponente ricerca di documenti e immagini ad opera di Bepi Magrin e Giovanni Peretti, con l’importante contributo del Prof. Fantelli di Dimaro, nella Trentina Val di Sole, che tratta approfonditamente “il punto di vista imperiale” sui fatti del San Matteo.

A questi due  libri si è poi ispirato il toscano Antonio Ballerini che con il romanzo storico  Cristalli di memoria, vince il  Premio Mario Rigoni Stern 2016